Cerca su VivaLaFocaccia
Search
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in comments
Search in excerpt
Filter by Custom Post Type
2 1
Ricetta Torta Panarello

Condividi con i tuoi amici:

Oppure puoi copiare e condividere questo url

Ingredienti

4 Uova
150 g Fecola di patate
200 g Zucchero
80 g Amaretto di Saronno
60 g Olio di Semi
1 g Sale
12 g Lievito da Torta
8 gocce di Aroma di Vaniglia o Vanillina

Aggiungi ai preferiti

Devi effettuare il login oppure registrarti per aggiungere un segnalibro

Ricetta Torta Panarello

Ingredienti

Istruzioni

Oggi vi voglio proporre questa ricetta molto simile alla Torta Panarello fatta in casa con la ricetta della mia amica Alli di Genova che ringrazio. La Pasticceria Panarello e’ molta famosa a Genova per i suoi pandolci, i biscotti del Lagaccio e per questa torta leggerissima, sofficissima che si scioglie letteralmente in bocca. Se passate nelle vicinanze di una delle pasticcerie Panarello, vi consiglio vivamente di entrare ed assaggiare i frutti della loro produzione di alta qualità.

Questa ricetta non e’ difficile da fare. La chiave per una buona riuscita sta nel montare bene i bianchi delle uova a neve. Ecco la video ricette e poi di seguito la foto ricetta passo passo della ricetta della Torta Panarello (tipo Panarello).

Video Ricetta Torta Panarello

Se passate da Genova, vi raccomando vivamente di passare dalla Pasticceria Panarello e provare l’originale.

Mandatemi le foto delle vostre torte con le decorazioni piu’ originali sulla nostra pagina di Facebook o via Email.

Alla prossima video ricetta.

Ciao- Vittorio

Passaggi

1
Fatto

Separate i rossi dell'uovo dai bianchi facendo attenzione a non contaminare i bianchi o farete fatica a montarli

2
Fatto

Sbattete i rossi e lo zucchero

3
Fatto

Aggiungere 5-8 gocce di aroma di vaniglia

4
Fatto

Continuate a mescolare

5
Fatto

Aggiungete l'olio di semi e mescolate

6
Fatto

Aggiungete l'amaretto

7
Fatto

Aggiungete poco alla volta la fecola di patate mischiata al lievito da torte

8
Fatto

A parte, montate i bianchi d'uovo a neve. Per facilitare il processo usate i bianchi a temperatura ambiente (non dal frigo), e aggiungete un grammo di sale. Potete anche aggiungere qualche goccia di limone. Il limone abbassa il PH (livello si acidita') nei bianchi. Questo facilita il legarsi delle proteine contenute nel'uovo ed otterrete dei fantastici bianchi montati a neve in meno tempo.

9
Fatto

Aggiungete delicatamente i bianchi montati all'impasto principale.

Con una spatola mescolate delicatamente l'impasto dal basso e dall'esterno del contenitore...

...verso in centro. In questo modo incorporerete più aria nell'impasto e non rovinerete la montatura dei bianchi.

L'impasto risulterà piuttosto liquido e spumoso

10
Fatto

Imburrate bene una teglia di 30 cm di diametro

11
Fatto

Infarinatela uniformemente

12
Fatto

Versate l'impasto nella teglia

13
Fatto
25-30 minuti

Infornate a forno già caldo.

Cuocete a 160-170 c per 25-30 minuti

14
Fatto

Quando tirate fuori la torta dal forno, diminuirà di volume. Questo e' normale

Lasciatela raffreddare

15
Fatto

Rovesciate la torta su un piatto

16
Fatto

Ecco la torta pronta per la rifinitura

17
Fatto

Adesso spolverizzate la superficie con lo zucchero a velo.

18
Fatto

Ecco la torta nella sua forma più classica

19
Fatto

Io questa volta visto l'avvicinarsi del natale, mi sono sbizzarrito con delle decorazioni

Disegnate le forme desiderate sul un pezzo di carta (o utilizzate un computer ed una stampante)

Ritagliate le forme che avete disegnato e adagiatele sulla superficie della torta

20
Fatto

Ora spolverizzate tutta la superficie con dello zucchero a velo

21
Fatto

Utilizzando delle pinzette, togliete i pezzi di carta facendo attenzione a non rovesciare lo zucchero a velo dalla carta alla superficie della torta in modo che i contorni rimangano precisi e nitidi

22
Fatto

Ecco la mia torta tipo Panarello con un albero di natale, stelline varie e la scritta: "VivaLaFocaccia"

23
Fatto

Ecco l'interno della torta Panarello sofficissima e leggera. Si scioglie letteralmente in bocca!

VivaLaFocaccia

Vittorio e Angelo sono i creatori e curatori di VivaLaFocaccia.com, il blog con le video ricette semplici per fare il pane in casa. Nato a Genova e cresciuto nel panificio di famiglia, con i suoi video tutorial Vittorio insegna i trucchi del mestiere a tutti gli appassionati e appassionate di arte bianca per fare il pane in casa come quello dei migliori panifici Italiani.

Recensioni Ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, utilizza il modulo qui sotto per scriverne una
precedente
Torta di Verdure
prossima
Ricetta Torta degli Angeli (Angel Cake)
  • Andrea Dellepiane

    Ciao Vittorio, io per la torta Panarello uso la ricetta del nonno Nino (il mio maestro, di cui ti ho già accennato a proposito di Papere e Libretti..), ti condivido la ricetta.. provala!! (.. io proverò la tua). A mio giudizio, anche se decisamente più “grassa” della tua, al palato risulta molto simile all’originale di Panarello.

    Ingredienti:
    250 g zucchero
    250 g burro
    6 uova
    8 g lievito vanigliato (mezza bustina Paneangeli)
    150 g farina (debole)
    150 g fecola di patate
    1 fialetta al sapore vaniglia.

    Fasi: cominci a lavorare lo zucchero con il burro (a temperatura ambiente), poi sempre mescolano aggiungi le uova intere una alla volta ed infine farina, fecola, lievito e vaniglia.

    Teglia da 30 cm e forno a 150° per 30 min.

    PS.: Ho provato la ricetta della Focaccia del nonno Beppe. Risultato eccellente!! Grandi apprezzamenti di amici e parenti che l’hanno mangiata. Qui a Genova non si trovano tanti forni che la fanno così buona. Complimenti!

    • vivalafocaccia

      Grazie! Proverò anche la tua!

      Vivalafocaccia.com, il blog con le Video Ricette facili per fare il pane in casa
      Clicca “Mi Piace”, “tweet”, “+” o seguici sul blog:

      2014-12-01 19:16 GMT+01:00 Disqus :

  • elena

    Scusa Vittorio, ma la farina di mandorle ci vuole, eccome!!!! non è panarellina senza le mandorle, anzi vanno tritate bene una parte e l’altra lasciata un pò granulosa, infatti se la mangi ci si sentono.
    Io poi alla fine, appena la tolgo dal forno ancora bollente la spennello con un dito di amaretto di saronno, oltre che a metterlo anche dentro come fai tu, In questo caso evapora tutto l’alcolico e rimane l’aroma, e poi la capovolgo immediatamente.
    Ultima cosa, la teglia và CONICA. Ciao elena da Zena Zuena

    • vivalafocaccia

      Ottimi suggerimenti!! Grazie
      Se mi dai le quantita’ precise le pubblico come ricetta laternativa piu’ simile alla originale
      Grazie

      2014-12-02 15:15 GMT-08:00 Disqus :

      • elena

        Ciao Vittorio, ti trascrivo la ricetta della mia “Panarellina” che sfido chiunque a trovarne una più buona, …..senza modestia! Ti saluto Elena da Zena Zuena

        TORTA
        PANARELLINA

        Prendere dal freezer 100 grammi di mandorle (senza
        pelle) congelate e frullarle nel mixer assieme a 20 grammi di zucchero semolato (è quello
        normale) per ottenere un effetto molto farinoso.

        Nella planetaria oppure con le fruste mettere 4 albumi
        (il bianco)da uova grandi assieme a 100 grammi di zucchero semolato, frullare fino
        ad ottenere un impasto soffice e sodo, ma attenzione non troppo sodo!

        Nella planetaria oppure con le fruste inserire 160
        grammi di burro (tenuto fuori dal frigo fino ad ottenere un aspetto a pomata
        morbidissima, ma non sciolto!) assieme a 100 grammi di zucchero a velo far assorbire bene
        il tutto.

        In una ciotola a parte sbattere con la forchetta (per
        poco solo per amalgamare)i tuorli (il rosso) che andranno inseriti a filo dentro l’impasto del
        burro e zucchero a velo precedentemente amalgamati.

        Adesso si dovrà prendere 50 grammi di liquore AMARETTO DI SARONNO a questo
        liquore vanno aggiunti 2 cucchiaini (da frutta) di estratto di mandorle dolce e 1 cucchiaino di
        quello di mandorle amare;
        aggiungere questi liquidi aromatici all’impasto delle uova, burro ecc… e far
        amalgamare bene il tutto.

        Sempre con le fruste aggiungere 100 grammi di panna
        fresca da montare (non
        usare quella da cucina e a lunga conservazione) e fare amalgamare.

        In una ciotola a parte miscelare le farine occorrenti:

        160 grammi di farina 00

        30 grammi di fecola di patate oppure maizena

        1 bustina di lievito vanigliato

        Un pizzico di cremor tartaro

        1 bustina di vaniglina (oppure un cucchiaino di pasta
        di vaniglia, in questo caso però non andrà messo assieme alle farine, ma andrà
        aggiunto alla miscela liquida)

        Setacciare
        bene tutte queste farine assieme e aggiungerle a cucchiaiate all’impasto
        liquido e far amalgamare bene il tutto.

        Adesso bisogna fare molta attenzione perché si dovrà
        incorporare gli albumi precedentemente montati con lo zucchero al resto
        dell’impasto. Prendere 1 o 2 cucchiaiate di albumi montati ed unirli al
        composto, girare energicamente per ammorbidire il tutto e poi con gesti delicati dal basso verso l’alto
        unire il resto degli albumi, in questa fase usare una spatola in silicone che è
        ottimale, si dovrà ottenere un impasto liscio e un po’ gonfio e spumoso, da
        questo punto in poi l’impasto non dovrà prendere “scossoni” perché smonterebbe,
        già prima di cuocere.

        Imburrare ed
        infarinare con molta attenzione tutta la tortiera, fondo e bordi
        compresi, usare la tortiera conica da 32 cm. di diametro.

        Rovesciare al centro l’impasto e farlo allargare (lo farà
        da solo) evitare di usare spatole per appianare l’impasto perché non serve si
        appianerà cuocendo, si può solamente inclinare la tortiera per uniformare l’impasto,
        ma molto lentamente.

        Accendere il forno a 180° (ventilato) ed infornare a
        questa temperatura per 25 minuti circa poi dopo 25 minuti circa abbassare il
        forno a 160° e cuocere ancora per 15 minuti, la superficie della torta dovrà
        avere un bel colore “mielato” leggermente scuro.

        TOCCO
        FONDAMENTALE : mettere in una tazzina 50 grammi di liquore
        all’amaretto e con un pennello, nell’istante che si toglie la torta dal forno (immediatamente)
        spennellare tutta la superficie con questa dose di liquore.

        Per sformare la torta:
        a torta ancora bollente,
        aiutarsi con uno strofinaccio da cucina e tenerla con due mani ai bordi e piano
        piano dare dei piccoli colpi facendola
        ruotare in modo che si sollevi tutt’attorno e poi rovesciarla su una griglia in modo che passi l’aria anche sotto, questo
        serve per farsì che la torta non accumuli umidità e si asciughi il più rapidamente
        possibile.

        A torta fredda posizionarla sul piatto da portata e
        cospargerla di zucchero a velo.

        Il sopra della torta (quello cosparso di liquore)
        adesso sarà il sotto, per questo si dovrà fare attenzione alla preparazione
        della teglia (burro e farina) in questo modo quando la staccheremo avrà la
        superficie perfetta. E’ una torta che manterrà la sua fragranza per diversi
        giorni.

        • vivalafocaccia

          Sei troppo gentile!
          – Vittorio

          2015-02-05 12:48 GMT-08:00 Disqus :

    • Ivano Stefanelli

      In effetti sul sito riporta: “mandorle dolci”
      A che punto della ricetta si inserisce la farina ed granuli di mandorle?
      Farina e granuli insieme? Nello stesso momento?

  • marco

    MMMMHHH che buona, la proverò.Una domanda/richiesta nen’è che sai come fare la sacripantina per caso? io purtroppo feci un’indigestione di quella torta a11 anni e non’ho più toccato dolci fino all’anno scorso ( ne ho 60 ) ma dopo 49 anni anni mi piacerebbe almeno assaggiarla era buonissima a quanto ricordo, forse un po grassa, ma va beh. grazie. Marco

    • vivalafocaccia

      Non l’ho mai fatta ma sarebbe da fare.

  • Ivano Stefanelli

    Allora… Provata e riprovata con la farina di mandorle, più volte a varie quantità. A me a dato ottimissimi risultati aggiungendo 50g di farina di mandorle alla fecola. Io ho usato questa: http://www.lefarinemagiche.it/portfolio/mandorle/
    Ecco come l’ho modificata conservando la stessa preparazione:

    • vivalafocaccia

      Fantastico!! Grazie per averla condivisa
      – Vittorio

  • Mara

    Ciao Vittorio ho fatto ieri la tua ricetta della torta panarello e devo dire che è veramente uno spettacoloooo!!!buonissima soffice complimenti e grazie per le tue ricette. Buon Anno nuovo da una genovese

    • vivalafocaccia

      Sono contento!

  • Mara

    Ecco la foto

    • vivalafocaccia

      Spettacolo!! Grazie per la foto.
      Buon anno
      Vittorio

  • Stefania

    Bella ricetta! Vorrei però un suggerimento: amo le mandorle ma non l’Amaretto! Come potrei sostituirlo, anche magari utilizzando i 50 gr di farina di mandorle proposta nei commenti?

    • vivalafocaccia

      Puoi certamente provare, ma diminuisci la quantita’ di fecol in proporzione
      – Vittorio

      Vivalafocaccia.com, il blog con le Video Ricette facili per fare il pane in casa
      Clicca “Mi Piace”, “tweet”, “+” o seguici sul blog:

  • Rosa

    eccola appena fatta!!!ho usato la frumina al posto della fecola xke l’avevo finita ed è venuta cmq ottima 🙂

    • vivalafocaccia

      Spettacolo!!!

  • Piervittorio Risso

    un saluto a Vittorio e a tutti i “vivalafocaccini”… innanzitutto grazie per la spettacolare ricetta!!! veramente una favola! oggi pero’ abbiamo (io e la mia compagna Antonietta) deciso di apportare due piccoli cambiamenti: abbiamo sostituito l’olio di semi con l’olio di cocco, a nostro avviso piu’ genuino e abbiamo usato 100 grammi di fecola di patate e 50 grammi di okara di mandorle essicata e tritata finissima come la farina; abbiamo cosi’ trovato un valido impiego per utilizzare cio’ che rimane dalla produzione del latte di mandorla (noi non consumiamo latte vaccino) e devo dire che e’ stato un gran successo!!!! alla prossima!!! ciaoooo

    • vivalafocaccia

      Ottime modifiche!!!!
      Vittorio

      Il giorno 21 settembre 2016 11:09, Disqus ha scritto:

  • Dima

    Sorry , 80 g Amaretto di Saronno -80 ml ?

    • vivalafocaccia

      Grammi

      2016-11-10 10:09 GMT-08:00 Disqus :

Search
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in comments
Search in excerpt
Filter by Custom Post Type