Cerca su VivaLaFocaccia
Search
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in comments
Search in excerpt
Filter by Custom Post Type

Video Ricetta Ciabatta Semplicissima

0 0

Condividi con i tuoi amici:

Oppure puoi copiare e condividere questo url

Ingredienti

500 g di Farina
380 g di Acqua
9 g Sale
2 g di Lievito in polvere o 5 g di lievito di birra

Aggiungi ai preferiti

Devi effettuare il login oppure registrarti per aggiungere un segnalibro

Video Ricetta Ciabatta Semplicissima

Ingredienti

Istruzioni

Ho sempre guardato le ricette “no knead”, cioe’ senza manipolazione della pasta, dall’alto in basso perche’ mi sembravano una semplificazione che non potesse dare buoni risultati. Poi un giorno ho trovato questa ricetta “no knead” per fare la Ciabatta in casa. E’ talmente semplice che la video ricetta l’hanno fatta Laura e Luca. E’ proprio fantastica. Lunghi tempi di lievitazione (18 +2 ore) ma pochissima lavorazione della pasta e risultato al di sopra delle aspettative. Questo sistema senza impasto e’ prorio comodo ed efficace per il pane fatto in casa specialmente per chi non ha l’impastatrice e per color che hanno poca esperienza a farsi il pane in casa.  Provatela e fatemi sapere. Cliccate qui se volte provare una ricetta simile ma piu’ veloce (2 ore) e cliccate qui per la version la ricetta della ciabatta con il lievito naturale.

Video Ricetta Ciabatta

Passaggi

1
Fatto

Mischiate la Farina e L'acqua

2
Fatto

Aggiungete il lievito

3
Fatto

Mischiate ulteriormente

4
Fatto

Aggiungete il sale

5
Fatto

Mischiate fino ad ottenere una pasta molto appiccicosa

6
Fatto

Coprite e lasciate livitare a temperatura ambiente per 18 ore (si avete letto bene, 18 ore). Probabilmente in estate bisogna metterla in un luogo fresco e farla lievitare un po' meno.

7
Fatto

Spruzzare un po' di acqua sul tavolo da lavoro per fare in un modo che la pellicola trasparente non di muova (passaggio successivo)

8
Fatto

Disponete una pellicola trasparente sul tavolo da lavoro

9
Fatto

Cospargetela con un bello strato di farina

10
Fatto

Con un mestolo, ripiegate la pasta su se stessa dento il contenitore dove e' lievitata

11
Fatto

Versatela sulla pellicola trasparente

12
Fatto

Con le dita schiacciatela un po' in modo da rompere le bolle d'aria

13
Fatto

Datele una forma da ciabatta (se volete la potete spezzare in due e fare due ciabatte piu' piccole e piu' croccanti)

14
Fatto

Ungete una teglia con olio extra vergine

15
Fatto

Cospargetela di farina di granoturco

16
Fatto

Versata la ciabatta sulla teglia

17
Fatto

Copritela con un panno

18
Fatto

Lasciate lievitare per 2 ore

19
Fatto

Infornate a 220 gradi per 35-40 minuti

VivaLaFocaccia

Vittorio e Angelo sono i creatori e curatori di VivaLaFocaccia.com, il blog con le video ricette semplici per fare il pane in casa. Nato a Genova e cresciuto nel panificio di famiglia, con i suoi video tutorial Vittorio insegna i trucchi del mestiere a tutti gli appassionati e appassionate di arte bianca per fare il pane in casa come quello dei migliori panifici Italiani.

Recensioni Ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, utilizza il modulo qui sotto per scriverne una
la-video-ricetta-focaccia-col-formaggio-di-recco
precedente
La Video Ricetta Focaccia col Formaggio di Recco
Stracchino fatto in Casa
prossima
Video Ricetta Stracchino Fatto in Casa
  • Enrico

    Come al solito, interessante! Però c’è sempre il problema della temperatura. Vivendo in un condominio con il riscaldamento centralizzato , in 18 ore la temperatura ambiente varia! Forse è meglio farla d’estate che ne dici? Oppure un escursione di 5/6 gradi in più o in meno è ininfluente ai fini del risultato?
    Grazie e buona domenica

    • non penso che influisca molto con questi tempi di lievitazione lunghi. Prova e fammi sapere – Vittorio

  • VITTORIO

    Ciao Vittorio,
    Sono contento che tu ti sia “convertito” a questa procedura. Quando non si si ha a disposizione molto tempo è comunque possibile fare del buon pane. Allego il link di una ricetta analoga che però prevede molto più lievito e anche se accorcia notevolmente i tempi, preferisco la lunga maturazione dell’impasto come nella tua ricetta. Cosa ne pensi??
    Onore a Laura e Luca!!! largo ai giovani, i panettieri/pizzaioli/pasticceri/cuochi eccetera di domani.
    Stanno crescendo in una ottima scuola e soprattutto in un ambiente familiare sano.
    Salutoni.
    Vittorio

    http://www.gennarino.org/forum/viewtopic.php?f=12&t=4584

    • Bella quella ricetta ma richiede l’impastatrice. Quella spiegata qui mi piace di piu’ perche’ si puo’ fare a mano. Grazie per la segnalazione. Bello il blog di Gennarino!! – Vittorio

  • Che bella che viene !! La proverò tanto quì anche se al neve è passata non fa molto caldo ! Un saluto ai giovani panettieri !

  • franco lodigiani

    Ciao Vittorio, ieri, mentre cercavo argomenti sulle intolleranze alimentari, mi sono imbattuto nel Tuo sito. Uno dei migliori sull’argomento. Per i miei problemi di intolleranza, la panificazione casalinga è un punto molto importante e sicuramente, prima di cimentarmi nella preparazione del lievito madre, collauderò la ricetta semplice della ciabatta, così magistralmente interpretata dai tuoi due validissimi e simpaticissimi collaboratori. Ti chiedo solo alcune piccole precisazioni:
    1-il sale nell’impasto, quando va messo?
    2-la griglia di cottura va messa a metà forno?
    3-le due resistenze del forno, vanno sempre mantenute accese, oppure, ad un certo punto della cottura, va lasciata in funzione solo quella inferiore?
    Grazie per l’aiuto. Ti farò sapere come andrà a finire.
    franco

    • il sale lo mettiamo per ultimo in modo che non venga a contatto diretto con il lievito. Mettilo quando la pasta inizia a stare insien po’ di prove. La griglia l’ho messa a meta’ forno ma ogni forno e’ diverso, devi fare delle prove. Direi che il mio era acceso solo di sotto. ciao – Vittorio

  • marisa

    come posso fare per mandare in U.S.A questa ricetta?

  • Esther

    Me encanta tu blog, me encantan tus recetas, buenisimas y faciles de hacer, y los pequeños panaderos están para comerselos!!!! besos.

  • Mi è venuta! Ho solo messo un po’ meno acqua. Buona, bravi Laura e Luca!

    • Fantastico. Che proporzioni hai usato? Sei la seconda persona che ha trovato l’impasto troppo mollo. Grazie – Vittorio

      • Ciao Vittorio. Ho usato 300 gr di manitoba, 200 di farina 00 e solo 400 ml di acqua. Viene molto bene. Voglio provare a farla con la farina della spadoni per pizze e focacce, ha una buona resa con la pizza, secondo me con questo tipo di pane si sposa a meraviglia. Provo e ti faccio sapere.
        Ciao elisa

      • Ma tu che farina usi? Sai la percentuale di glutine?
        Grazie e ancora ciao elisa

  • gerardo

    MOLTE GRAZIE PER FARE LA RICETTA DELLA CIABATA TE LO QUIESTA FA MENO DI UN MESE , MOLTO BUENA LA FARO NELLA SETTIMANA E TI MANDO FOTOGRAFIE , GRAZIE DI NUOVO , A UNA DOMANDA LA FARINA QUE SI METTE SOTTO E COME LA DELLA POLENTA O CUALE E , SI PUO METERE FARINA USTA PER LIMPASTO , UN SALUTO E GRAZIE .

    • Per l’impsto puoi usare una farina forte tipo manitoba, sotto ci metto la farina di granoturco (polenta) – Vittorio

  • cristina

    Ciao Vittorio, l’ho preparata oggi, che spettacolo! Complimenti, mi fai quasi sentire una fornaia provetta… 🙂

  • andrea

    ciao vittorio volevo chiederti se ho il forno a convenzione ovvero ventilato e non ho la funzione statita andrà bene ugualmente la temperatura deve essere cambiata..aspetto notizie

    • Non saprei. Devi provare. Mettici un pantonlino di acqua per tenere un po’ di umidita’ dentro il forno durante la cottura perche’ mi sa che quelli ventilati sono molto asciutti. Ciao – Vittorio

  • fulvio

    Voglio fare anche io questo pane ma dato
    che ho il forno a legna qualche consiglio
    su come cuocerlo senza ridurlo in un pazzo di carbone ??:-))
    Temperatura, se deve esserci umidità tempi ecc.
    molte grazie
    Fulvio

    • Io non l’ho mai usato per il pane ma ho scritto alcuni consigli qui. A secondadella dimensione del pane cambiano i tempi di cottura. Per la ciabatta parti da 230 c e 30-40 minuti. – Vittorio

      • fulvio

        ora ci provo eventualmente il video di che cosa ne è venuto fuori
        ciao e grazie
        fulvio

      • fulvio

        secondo te in italia che farina devo usare per le ciabatte ??
        farina forte tipo manitoba o che altro ?
        magari un mix aggiungendo un poco di pasta acida essiccata
        ciao e grazie
        fulvio

      • fulvio

        ciao
        Come promesso posto la foto del pane
        che ho fatto ieri nel forno a legna
        che ne dite ?
        il gusto non è male.
        Mi è però venuta invece una crosta troppo spessa
        ed un pochino dura, secondo te quale può
        essere l’errore che ho fatto ?
        ho vuotato il forno da caldo
        (un lavoraccio) ho messo una pentola con acqua dentro per fare umudità
        la temperatura del forno era sui 240 gradi
        ha cotto per 35 minuti
        http://i.imagehost.org/0829/07032010051.jpg
        ciao
        fulvio

        • Non male. Il problema e’ che ho poca esperienza con il forno a legna. QUando la crosta e’ troppo spessa tipicamente e’ peche’
          1 – c’e’ poca umidita’ nel forno: prova a mettere il pentolino con l’acqua che bolle gia’ in modo che crei piu’ vapore.
          2 – il forno e’ troppo basso
          Vittorio

  • valeria

    questa ricetta è talmente semplice….che a me non è riuscita……!!!! uheeeeeeee uheeeeeeeee uheeeeeeeeee impasto mooooolto molle e appiccicoso…dopo 18 ore è lievitato pochissimo e troppo molle… l’impasto quasi quasi direi acquoso tanto da non riuscire a dare la forma della ciabatta..senza quasi..sembrava jogurt come densità!!!e non vi dico quando ho provato lo stesso a metterlo nel cellofan!!!mai vista una cosa così orribilante si è appiccicato dappertutto!!!un disastro…secondo me è colpa del lievito..io uso quello di birra in panetto da 25gr..proverò l’altro..anche se non ho mai capito bene la differenza tra i due…forse ho messo troppa acqua…bhooooooooo 🙁

    • Non sei la prima che mi dice cosi’. Molto probabilmente dipende dalla farina. Vai su questa pagina e segui queste dosi:
      * 500 g di Farina
      * 400 g di Acqua
      * 9 g Sale
      * 2 g di Lievito in polvere o 5 g di lievito di birra
      Il lievito di birra funziona. Magari il tuo non era fresco? Riprova – Ciao Vittorio

  • Marco D’Ortenzi

    Ciao Vittorio, ho seguito alla lettera le tue video-istruzioni per la focaccia genovese con ottimi risultati. Ieri sera alle ore 22,00, nonostante avessimo finito di cenare intorno alle 21,00, la casa si è riempita del profumo della tua focaccia e questo ha riaperto una voragine nel nostro stomaco. Come potevamo lasciarla lì, calda calda, per poi mangiarla l’indomani? Ci siamo quindi “sacrificati” e l’abbiamo terminata in pochi minuti. Risultato eccellente. Ora ti volevo chiedere, per Valerio il mio secondo genito a cui piacerebbe assagiare la focaccia con molta mollica (quella con piccole bolle d’aria), se puoi darmi qualche indicazione (con tutta calma e quando ne hai l’opportunità) per farla. Ti ringrazio comunque in anticipo e rinnovo i miei complimenti per il tuo lavoro su questo sito. Ciao Marco D’Ortenzi

    • Prova a mettere un po’ piu’ di pasta nella teglia.
      Per conservarla, ci sto provando in questi giorni su suggerimento di Sergio, un appassionato che segue il blog. Lui la lascia reffreddare e prima che si raffermi la mette in un sacchetto Ziplock in freezer. Poi quando la vuole mangiare, accende il forno a 200 (mi sembra), rtira fuori la focaccia dal freezer e la mette in forno fino a quando si scongela. A proposito, ieri ne ho messo un pezzo in reezer, vado di la’ a provare.
      Ciao – Vittorio

  • giuseppina

    ciao vittorio ho fatto l,impasto ma e.venuto molto molle dopo la lievitazione . ho fatto fatica metterlo giu e cresciuto poco dopo la seconda lievitazione e quando lo cotto e rimasto basso da .cosa dipende dalla farina io ho usato solo la 00.forse e quello ciao grazie

    • Molti di quelli che la provano in Italia hanno lo stesso problema. Prova a mettere meno acqua. 400g di acqua e 500g di farina. Io l’ho fatta venerdi’ ed e’ venuta benissimo. Vittorio

  • Rick

    Ciao Vittorio, ti ringrazio per le tue ricette, sei veramente un grande, simpaticissimo e soprattutto geniale con le tue ricette.
    Ho fatto la focaccia seguendo la tua ricetta, anche se ho impiegato veramente parecchio a trovare il lievito in polvere in quanto con 5 grammi di lievito di birra, almeno quello che si trova qui da noi a roma nel classico panetto da 25 grammi, non ha lievitato. Trovato quello in polvere ho messo circa 3 grammi accorciando il tempo di lievitazione di circa 4 ore, quindi 16, mantenendo l’impasto ad una temperatura costante di 31 gradi (atraverso una serpentina in plastica per acquari 30watt utilizzata da noi per fare le cialde dei gelati, sempre per la lievitazione della pasta :D:D)
    Purtroppo io ho solo il forno a ventola e mi ho dovuto mettere la temperatura a 200° perchè a 220 l’ha dorata veramente troppo, e l’ho lasciata cuocere per 40 minuti.
    P.S. Questo metodo di lievitazione un pò riprende la lievitazione naturale vero?
    P.P.S Tu che sei negli USA potresti procurare la ricetta per le cialde da colazione, quelle che si mangiano con lo sciroppo d’acero? Le ho mangiate una volta durante uno dei miei viaggi in America, e ancora oggi non sono riuscito a riprodurre quel mix di soffice e croccante di quelle fantastiche cialde.

    Un bacione ai tuoi due fantastici cuochi 🙂

    Bye Rick-1985

    • Grazie. Il rapporto tra lievito secco e quelo di Birra e’ 1 a 3 come spiegato in questo post. Nella ricetta della focaccia se usi quello di birra devi usarne 25 g. Ciao – Vittorio

      • Rick

        Grazie vito, ora mi è chiaro, nel video non si capiva, o meglio, io non avevo capito, avevo letto lievito in polvere 2g -lievito di birra 5g maforse non ho appreso bene.

        Un ultimissima domanda, tu consigli di cuocere a forno ventilato oppure a doppio calore? (con le pareti superiore e inferiore riscaldate)

  • Rick

    Ancora non riesco a capire i rapporti con il lievito di birra. Ho letto il tuo post, quello che mi hai indicato sui rapporti. Allora, se dici che il rapporto tra polvere e birra fresco è 1 a 3,5 vuol dire che in questa ricetta ci volevano 7 grammi di lievito di birra fresco? ovvero 2 x 3,5 = 7. Tu hai detto 25gr e adesso mi si sballano tutti i rapporti… potresti chiarirmi un pò meglio? Grazie vittorio

  • Alessandro

    Salve Vittorio, mi chiedevo se era possibile fare questa ricetta usando il lievito naturale da te proposto; in caso affermativo che quantita’? Grazie Alessandro

    • vittorioviarengo

      Si, io l’ho provata con 300g di Lievito Naturale tipo Polish e l’ho fatto lievitare solo 10-12 ore la prima volta. Fammi sapere come viene – Vittorio

      • Alessandro

        Ok ti faro’ sapere il risultato… Alessandro

      • Alessandro

        Ho effettuato la ricetta della ciabatta con il lievito naturale tipo polish:350 grammi farina manitoba, 150 grammi farina 00,300gr lievito naturale , 9 grammi sale e 375 grammi di acqua. Dopo 12 ore di lievitazione l’impasto e’ risultato piu’ che raddoppiato e troppo molle, praticamente ingovernabile.Allora ho aggiunto circa 100 grammi di farina. Il risultato e’ una ciabatta di circa 5 cm di altezza massima con molti alveoli dai 3 millimetri al centimetro di diametro di varia forma. La prossima volta provero’ ad usare meno acqua.

        • vittorioviarengo

          La pasta e’ abbastanza molle ma lavorabile. Vedi il video. Elisa che l’ha provata in italia con 500 g di farina mista (00 e manitoba) e 400 grammi si acqua e’ venuta bene ma non aveva usato il lievito naturale. La faro’ di nuovo nel fine settimana e ti faccio sapere – Vittorio

  • Ciao Vittorio, io uso questa ricetta (è in inglese ma tu la leggi di sicuro) e vengono benissimo, tanto che faccio fare le ciabatte persino ai miei corsisti che di cucina non ne sanno granché… 🙂

    http://cucinadelsole.typepad.com/the_sunny_kitchen/2009/11/the-fastest-and-absolutely-best-noknead-bread-ever.html

    La cosa più bella è che i tempi di lievitazione sono ridottissimi: circa un’ora e mezza.
    L’impasto viene appiccicosissimo come il tuo e io evito la rischiosa fase nella plastica raccogliendo con una spatola da pasticcere le singole quantità che mi servono per fare tre piccole ciabatte.
    Provala, è buonissima.
    Ciao da un’altra expat genovese! 🙂

    • vittorioviarengo

      Bella La provero’. Ci mettono piu’ lievito e la fanno lievitare meno. Immagino che il gusto sia leggermente diverso. La faro’ nel week end. Ciao – Vittorio

    • vittorioviarengo

      si, ma cosi’ facendo non ti vengono le striature di farina sopra che sono carattteristiche della ciabatta. Provero’. Grazie per la segnalazione – Vittorio

    • vittorioviarengo

      Bello il tuo Blog. Posso “rubarti” la focaccia barese?? – Vittorio

      • Certo, basta solo indicare la provenienza. 😉 Buon fine settimana!

        • vittorioviarengo

          Fatte. Venute bene. Il gusto e’ diverso da quelle con lievitazione lunga. Si sente un po’ di piu’ il lievito. Comunque ottimo risultato. Ecco le foto. La settimana prossima produco il video
          Grazie – Vittorio

      • E io proverò la tua focaccia genovese, mi manca tantissimo!

  • simone

    Ciao Vittorio,complimenti per il tuo sito,sei un grande!
    Anche a me l’impasto per la ciabatta no knead è venuto molto molle e non ho potuto dare la forma giusta anche se è venuto comunque molto gustoso.
    Tra l’ altro ho messo solo 370 ml di acqua ma non è servito;probabilmente è la farina 00,forse dovrei usare la manitoba…
    Ciao grazie e continua così Mitico!

    • vittorioviarengo

      Prova e fammi sapere – Vittorio

      • simone

        Wow!!Ma che splendida ciabatta mi è riuscita stavolta!Ho usato metà Manitoba e metà 00 con 4gr di lievito perchè a me non si gonfiava molto (forse dipente dal tipo di lievito che uso).
        Ho provato anche usando solo la manitoba ma a non mi soddisfa del tutto il palato.
        P.S.Una curiosità,come mai costa così tanto li da voi lo stracchino?Quasi quasi vengo li da voi e faccio un businnes,a me riesce piuttosto bene farlo ed anche altri formaggi molli…
        Ciao e grazie degli utilissimi consigli,complimenti!Proverò anche altre ricette

        • vittorioviarengo

          Heh… il problema e’ che l’Americano medio non li conosce e non li apprezza i formaggi molli… Dove sono le foto della Ciabatta? Vittorio

  • Maria Grazia

    Vittorio i tuoi bambini sono spettacolari come le tue ricette quasi-quasi. Ho provato a fare la ciabatta semplificata e mi è venuta benissimo, stamattina ho voglia di provare questa a lunga lievitazione, ho visto questo video e mi ha aperto veramente il cuore sorridere con la tua famiglia. Complimenti ancora ti faccio una foto se riesco. Ciao da Malta

    • vittorioviarengo

      grazie

      • Maria Grazia

        Purtroppo l’esperimento non è riuscito tanto bene da meritare una foto, ma in compenso mio marito l’ha fatto fuori tutto il giorno dopo, sostenendo che fosse buonissimo. Secondo me non ha lievitato a sufficienza anche se le ore erano pressappoco quelle. Adesso sto provando a fare il lievito naturale. Non mi arrendo. Ciao

  • tiziana

    salve Vittorio, ho preparato la ciabatta a lievitazione lenta raggiungendo buoni risultati (ti invierò le foto).al contrario la ciabatta che prevede l’utilizzo del lievito madre l’ho realizzata qualche settimana fa senza successo ( il gusto era buono, ma è rimasta troppo bassa). forse ho capito cosa non ha funzionato (verosimilmente l’impasto era troppo liquido) per cui la riproverò alla prima occasione possibile. grazie ancora
    saluti tiziana

    • vittorioviarengo

      a seconda della farina, l’impasto puo’ venire troppo mollo. Prova con piu’ farina e vedrai che ti viene bene. Vittorio

  • tiziana

    salve Vittorio, ho preparato la ciabatta a lievitazione lenta raggiungendo buoni risultati (ti invierò le foto).al contrario la ciabatta che prevede l’utilizzo del lievito madre l’ho realizzata qualche settimana fa senza successo ( il gusto era buono, ma è rimasta troppo bassa). forse ho capito cosa non ha funzionato (verosimilmente l’impasto era troppo liquido) per cui la riproverò alla prima occasione possibile. grazie e ancora complimenti
    saluti tiziana

  • Alfredo

    Bravissimi i bambini…Eccellente il papà. Ho molta stima nei vostri confronti sia per l’amore e l’abilità dimostrata a trattare con la farina, sia per i risultati che ottenete. Seguendo le vostre istruzioni (molto chiare e dettagliate) sono riuscito, per la prima volta, ad ottenere una bella ciabatta anche saporita… ma non riesco a farla venire alta come la vostra!!! Potete darmi un consiglio ? Grazie e complimenti da Alfredo. La foto della mia (bassa) Ciabatta http://www.iouppo.com/lite/pic/61b753df98e1ae7284ed2773a23f172c.JPG

    • vittorioviarengo

      Puoi provare a
      – Fare la pasta un po’ piu’ dura’
      – Aggiuingere un po’ di lievito’
      – Farla lievitare un po’ meno
      Vittorio

      • Alfredo

        Grazie Sig. Vittorio: seguirò i consigli di sicuro, appena avrò tempo metterò in pratica, poi vi farò sapere e vedere le immagini. A presto…
        Alfredo

  • Alfredo

    Oggi provo a fare la baguette…Speriamo bene, cmq persevero e lo faccio con piacere dopo averfatto la ciabatta con un buon risultato. Grazie Vittorio … mi hai dato ottimi stimoli.

    P.S.: Appena ho tempo vado a vedere la ricetta per la pizza Napoletana, essendo napoletano e (permettetemi la licenzia) bravo a fare la pizza!

  • Alfredo

    O mamma !!! e chi se lo aspettava… Carissimo Vittorio (mi permetta il carisimmo) ho provato a fare la Baguette e mentre la preparavo… morale a zero, sembrava un fallimento, la mia scarsa manualità mi atterriva, e alla cottura vedevo questi pezzi tozzi che imbrunivano. Sorpresa e gioia alla fine, dopo averli raffreddati e tagliati… O Mamma!!! Profumati, tanti buchi nella mollica e buoni, i miei bambini ne hanno divorato uno dei due in 10 minuti. GRAZIE Vittorio.

    Ti allego alcune immagini.

    La baguette tozza e bruttina
    http://www.iouppo.com/lite/pic/00508f087cfcfd220cc3d2d9c69b327c.JPG

    Il primo taglio
    http://www.iouppo.com/lite/pic/2a352020281c2a45c3bfb87b672cb661.JPG

    Quanti buchi nella mollica
    http://www.iouppo.com/lite/pic/29e066bf1cb774d17f0b292e1825c834.JPG

    • vittorioviarengo

      Che ricetta hai usato? Quella della Nonna Laura? Prova a fare i tagli piu’ profondi. Mi sembra che la pasta avesse la forza giusta ma la baguette si e’ strappata di fianco invece di svilupparsi ed aprirsi sui tagli. Bravo – Vittorio

      • Alfredo

        Scusate.. avrei dovuto postare nella pagina dove ho preso la ricetta ! Cmq ho usato la ricetta “Baguette con lievito naturale” Ho usato il lievito naturale che ho catturato nel mio giardino, a Napoli, 3 anni fà c.ca. Lo curo come un bambino, poichè il gusto che mi da è unico! I tagli praticati all’impasto erano di alcuni millimetri, forse si erano poco profondi, domani sicuramente ci riprovo.
        Vi faccio sapere … ancora grazie

        Alfredo

  • Alfredo

    Ho riprovato la focaccia seguendo i consigli, ma ho sbagliato di nuovo qualcosa, mi è venuta bassa come la precedente, ma la mollica è migliorata moltissimo. I bambini e anche mia moglie hanno molto gradito. Proverò di nuovo fra qualche giorno …non demordo …ho un bravo maestro “Vittorio” . http://www.iouppo.com/lite/pic/c0323f820faaccb1374bb0627eac8906.JPG

    http://www.iouppo.com/lite/pic/a21e4ae8b8217a97d11c5897e8b27d79.JPG

    Un saluto …
    Alfredo

    • vittorioviarengo

      Bellissime queste ciabatte!

  • emma

    grande grande!!!!!!!!!!!!!sei una forza dai dei consigli davvero utili questo blog lo salvo nei preferiti

  • pinuccia

    ciao vittorio, ho provato a fare ilo polish con la farina di kamut a causa intolleranze, sembra venuto. Ho fatto il primo impasto per il pane ma non avendo visto il tuo video della ciabatta ho impastato come facivo altre volte cioe non diluendo il lievito nell’acqua ma aggiungendolo alla farina. Il sale l’ho messo subito, pensi che possa compromettere il risultato? vorrei fare dei panini e non la forma di ciabatta , cosa mi consigli? aspetto la tua risposta e spero che questo primo tentativo sia abbastanza soddisfacente. ciao e grazie. Pinuccia

    • vittorioviarengo

      E’ sconsigliato mettere il sale a diretto contatto con il lievito. la video ricetta della ciabatta spiego una tecnica per dare la forma alla ciabatta. – Vittorio

  • Grazie, ci proverò e ti farò sapere. Sono nonna e i tuoi bambini sono adorabili, bravo tu che li hai resi così abili e felici. Baci, Maria

  • cinzia

    Salve Vittorio,
    inanzittutto complimenti per le vs ricette!!! un po alla volta le sto provando tutte insieme alle bambine e devo dire tutto riuscito alla perfezione!!! ormai la ciabatta veloce e i grissini sono all’ordine del giorno!!! ma ieri ho voluto provare a fare la ciabatta a lunga lievitazione e mi sono accorta di un errore…nel video la quantità di acqua è di 480gr mentre se si legge la ricetta sotto è di 380gr…mi sono accorta subito che c’era qualcosa che non andava xkè l’impasto era molto acquaroso..e infatti credo di aver capito l’errore..giusto?? o forse mi sbaglio…siccome mi seccava buttar via il tutto ho aggiunto un po più di farina e lasciato a riposare x 18h ma cmq l’impasto è molto liquido e non si riesce a lavorare…peccato ma lo cucino lo stesso!! nel frattempo ne preparo un’altra ma con 380gr di acqua!!! grazie ancora e scusami se mi sono permessa di farti notare l’errore!!!Cinzia

    • vittorioviarengo

      Grazie. ho corretto il video – Vittorio

  • Riccardo Pianca

    Ho seguito passo passo la ricetta è la ciabatta mi è venuta un vero spettacolo…
    Come Farina ho usato solo manitoba e lievito di birra.
    Grazie

    • vittorioviarengo

      Foto??? manda a vivalafocaccia@gmail.com – Vittorio

      • Riccardo Pianca

        le figlie non mi hanno dato il tempo di fotografarla… hanno fatto incetta di pane e nutella…

  • Alga Lombardi

    ho fatti oggi la ciabattaona seguendo l a tua vudei ricetta, è veramente fantastico quanto rimane soffice e alveolata con così poco lievito. Proverò qualche altra tua ricetta. Tanti complimenti, ricette chiarissime e semplici.
    Alga

  • Alga Lombardi

    le foto le posso inviare all’indirizzo vivalafocaccia@gmail,it?

  • Andrea

    Ciao Vittorio,

    dopo aver sperimentato più volte e con ottimi risultati la focaccia genovese e la ciabatta “veloce” (di cui ne ho fatta anche una variante aggiungendo 350g di uvetta)ho tentato anche con quella a lievitazione lenta ma…

    Il rapporto farina/acqua mi da un composto, che all’impasto risulta come quello dei tuoi figli ma è alla fase di lievitazione che succede qualcosa.
    Ad un certo punto della lievitazione l’impasto smette di gonfiarsi, si siede e diventa molle quasi liquido.

    Dici di lasciarlo 18 ore a temperatura ambiente (di notte 18/19°) oppure come al solito nel forno con luce accesa?

    Al primo tentativo non riuscito ho dato la colpa alla farina. Al secondo tentativo ho fatto 50% 00 e 50% manitoba ma ancora molle… Al prossimo tentativo, se non hai altro da suggerirmi, proverò con 100% manitoba.

    Hai altri suggerimenti?

    Grazie mille

    Andrea

    • vittorioviarengo

      Penso tu debba mettere meno lievito. – Vittorio

  • Laura Giuberti

    Ciao Vittorio questa ricetta non l’avevo ancora esplorata penso che la proverò presto.Ho avuto grandi soddisfazioni con il pane di pasta dura e con la focaccia ho stupito i miei colleghi che non credevano che fosse home mde.
    Grazie per i preziosi consigli che dai ho imparato molte cose seguendo le tue ricette.
    Un grosso saluto dala fredda Genova-Laura

    • vittorioviarengo

      Grazie. Buon divertimento con quest ricetta. E’ facile e da molta soddisfazione – Vittorio

  • cinzia

    e’ tre volte che provo a fare la ciabatta ma non mi e’ mai venuta bene: l’impasto mi rimane molle anche dopo la lievitazione, una volta cotto viene fuori schiacciato, comunque buono e con i buchi dentro quindi lievitato.
    Sarà la farina?
    Proverò di nuovo.
    ciao

    • vittorioviarengo

      prova a fare l’impasto un po’ piu’ duro. Se non funzion, cambia farina. Vittorio

  • Elia

    ciao vittorio!anche io sono un panificatore casalingo!sto imparando il mestiere in un forno vicino a casa mia!50 anni di attività!le tue ricette sono ottime e perfettamente adattate all’ambiente casalingo!
    ti faccio i miei complimenti!!sei un grande!!
    Elia da pavia!

    • vittorioviarengo

      Grazie!!!!!! Vittorio

  • Piero

    Salve Vittorio,
    da quando ho scoperto il tuo sito campo la famiglia con chili di ciabatte! Non ti dico poi nel forno a legna che splendore di pane, ovviamente cuoce prima e si gonfia in un baleno, hai presente gli air-bag?
    A breve ti mando le foto del prodotto e del forno ovviamente autocostruito con mattoni prelevati da una vecchia fornace in demolizione.
    Ciao,
    Piero il focacciere (non esiste focacista…)

    • vittorioviarengo

      Grande!!

  • luca

    ciabatta in forno. per il pranzo di Natale, ne ho fatta una maxi da 1000g, con 50% di manitoba, vediamo come viene…:)

  • luca

    tutti super entusiasti della ciabatta, davvero buona 😉

    • vittorioviarengo

      e la foto???

  • laura mazzo

    mancano 15 minuti perchè sia pronta la ciabatta!!! Speriamo bene visto che ho messo 480 gr di acqua! Comunque i miei bambini si sono divertiti ad imitare i tuoi e dire come Luca “è appiccichioso!”. Davvero fantastici i vostri pupi! Tanti saluti da Laura Giuseppe (6 anni) e Irma (4 anni)

  • laura mazzo

    Laura, Giuseppe, Irma e parenti tutti sono rimasti folgorati dalla ciabatta!
    Un saluto da tutti noi e da Venezia city!!!!

  • Siete simpaticissimi bimbi … è pure belli…. (e bravi!)

  • Ola Vittorio, ho fatto la ciabatta lenta, unica cosa , impaziente, non ho aspettato le due ore di lievitazione in forma, ma l´ho fatta lievitare 14 ore qua in Brasile a una temperatura ambiente di 24/28 gradi piu o meno, Anche senza le ultime due ore é venuta ottima, meglio della ciabatta veloce, cosa sarebbe cambiato se l´avessi fatta lievitare altre 2 ore???
    Altra cosa Vittorio,
    hai mica un ottima ricetta x croassan e krafen???
    Grazie per tutte le tue ricette, sono ottime….
    Ciao alla Prossima

  • Nicola

    Tutto secondo manuale, l’ho solo cotto 5 minuti in meno dato che non posso selezionare la provenienza del calore nel mio forno e temevo di bruciarne la superficie, ho abbassato il ripiano di un livello ma ho usato un piano di pietra che ho preriscaldato. La crosta sembra bella solida,, fra un po’ lo taglio e vi so dire

    http://img196.imageshack.us/img196/4126/pandirulla.jpg

    • vittorioviarengo

      Ha un aspetto bellissimo!!!

      • Nicola

        grazie del complimento ç_ç sono commosso

    • Nicola

      ecco l’interno, non è proprio perfetto, c’è un’ampia sezione mansardata da sfruttare con un soppalco.. :), l’ho assaggiato ed è davvero buono, ancora un po’ umido e caldo probabilmente devo aspettare si freddi del tutto o forse avrei dovuto dare quei fantomatici 5 minuti in piu’, ma la pasta, alla luce, ha quella lucidità “perlacea” propria del pane “vero” :))

      http://img151.imageshack.us/img151/39/pandirulla2.jpg

  • Anna

    Ho provato questa ricetta (è la prima di quelle di Vittorio)per due motivi: la ciabatta è un tipo di pane che mi fa impazzire e poi l’ho fatta con mio figlio ed è stato molto divertente!!!!
    Il risultato è stato buono; esterno croccante e friabile, interno forse un po’ umido. Ho usato una farina con W 250 Proteine 11,5% P/L 0,6 e assorbimento acqua 55%. Magari la prossima volta metto un po’ meno acqua. l’ho cotta con una ciotola di acqua nel forno. Non so se questo possa aver influito o meno.
    Ecco le foto. http://img829.imageshack.us/g/foto067gd.jpg/
    xoxo

    • vittorioviarengo

      Prova a togliere la ciotola negli ultimi 20 minuti – Vittorio

  • Elisa

    realizzata anche questa ricetta ed è venuto Buonissimo.. purtroppo litigo con il sale e faccio sempre tutto insipido, ma imparerò.. e potevo lasciare la ciotola perchè è venuta un pò secca, ma è buona e spero di non mangiarmela tutta…ciao ciao

    • vittorioviarengo

      Grande!!! le foto???? – Vittorio

      • Elisa

        ops… l’ho finita tutta…la prossima la fotografo lo prometto…intanto ho fatto pubblicità a questo sito perché lo ridico è Meraviglioso poter trovare ricette così facili e buone..grazie!!!

  • Rosa

    Bravo Laura , bravo Luca

  • Claudia

    ciao!stiamo facendo questa ciabatta, ma noi abbiamo il forno ventilato in casa, va bene lo stesso?

    • Anonimo

      Penso di si. Forse dovrai tenere il pentolino d’acqua per tutta la cottura. Vittorio

  • gloria

    Ciao Vittorio,abbiamo provato anche questa ricetta ed è venuta benissimo,ma abbiamo usato 3/4 farina 0 1/4 00 e come lievito la nostra “muè”(madre, fatta 5 anni fa)che usiamo di solito per la ns pagnotta con farina integrale e 0 insieme ad un mix di semi vari(girasole-lino-sesamo….),è venuta pefetta a differenza di quella con lievito di birra fatta in parallelo di diverso aveva il sapore,leggermente acidulo,ma consistenza e fragranza uguali.grazie a te gli amici che hanno assaggiato i ns prodotti fatti con le tue ricette ormai quando li invitiamo li ordinano perentoriamente e come dici tu è bello e gratificante dividerli con loro.ciao gloria &c da lavagna

  • Cristiano

    Ciao Vittorio, oltre a farti i complimenti per queste
    splendide ricette, la ciabatta è eccezionale, vorrei da
    principiante porti una domanda, perchè se inforno a 220
    gradi la ciabatta su carta forno e leccarda invece che carta forno e griglia (soluzione a cui sono stato costretto) mi si abbrucia il sotto
    prima della cottura finale???

    Ancora complimenti.
    Cristiano.

    • Anonimo

      Uhm… non saprei. L’importante e’ che tu abbia trovato una soluzione 🙂
      Vittorio

  • giovanni

    vorrei sapere la ricetta delle pizze di pasqua grazie

  • mamyros

    ciao Vittorio, che farina hai usato? grazie

    • Anonimo

      Una 00 qualsiasi dovrebbe funzionare bene. Se vuoi la puoi tagliare con della Manitoba – Vittorio

  • CLAUDIA

    Ciao Vittorio, ti faccio sempre i complimenti, non solo per la tua bellissima passione e dedizione, ma anche per come sai trasmetterla a tutti!

    Volevo farti una domanda, i tempi di lievitazione sono 18 ore per la prima e 2 per la seconda, ma dici che è possibile far aumentare di qualche ora la prima lievitazione? non so, due o tre ore?

    Grazie di tutto e ancora complimenti!! 😉

    • Anonimo

      penso di si, ma dipende dalla temperatura. Se hai bisogno di piu’ tempo, mettila a lievitare in un posto un po’ meno caldo – Vittorio

  • marya

    Very easy, very good! Congratulations!

    • giancarlo

      ciao vittorio le panificazioni le posso fare sulla piastra refrattaria la pepita?

      • vivalafocaccia

        Si io faccio parecchi tipi di pane sulla refrattaria.

  • Miky

    Ciao Vittorio!Da tempo cercavo di realizzare il pane in casa, ma non riuscivo a trovare qualcosa che mi soddisfacesse…poi ho trovato su internet questa tua stupenda ricetta (realizzata da due bravissimi “panettieri”) e mi sto prodigando per reperire tutto ciò che serve per realizzarla…domani il grande giorno:inizio ad impastare così sabato preparo la ciabatta e la inforno…!!!!Una sola domanda:tu hai usato solo farina tipo “00” di grano tenero…mi chiedevo se potevo aggiungere un pò si “semola rimacinata di grano duro”, che qui da me (Gargano,Puglia,Italia) viene usata per fare il pane e renderlo mooolto più fragrante!…che ne pensi??in che percentuale??con la tua ricetta potrebbe funzionare??oppure lascio perdere, dato che è la mia prima volta??
    Il mio forno è statico:metto griglia al centro e accendo solo sotto??oppure sotto e sopra??
    GRAZIE MILLE!!!

    • Anonimo

      Si puoi certo provare. – Vittorio

  • Marina

    Bellissima ricetta e bellissimi e molto bravi i mini – panettieri!! Grazie!!

  • Miky

    Beh, che dire…è stato meraviglioso questo pane!!!ne sono andati tutti pazzi!!!GRAZIE VITTORIO!!

    Miky

  • Miky

    Ah dimenticavo…la ciabatta in cui ho mescolato farina 00 e semola rimacinata (50%) è stata fantastica, la preferita di tutti!!…
    e ora…lievito madre….ARRIVO!!!
    😉
    Miky

  • Ciao Vittorio!
    Ho provato a fare questa ciabatta ed e’ venuta davvero squisita!!!
    Grazie mille!

  • Joe

    Awesome recipe and a delicious bread. You have made it so simple anyone could master this.

  • Nur

    Io sono italiana,ma attualmente abito a londra,e vedendo cosa mangiano gli inglesi non avrei mai immaginato di vedervi cucinare cosi’ bene all’italiana!Bravi davvero!

  • Vivienne

    Hi Vittorio,
    Thank you for the video, it’s very helpful for me to learn making italian bread at home.
    I tried to make Ciabatta using this recipe twice, and the result was not quite the same as yours. I am wondering if I did something wrong. For the first time, I followed exactly your recipe, 500g Farina 00 and 380g water, the dough turned out to be lumpy and the during the second 2 hrs rising, the dough flattened out and did not rise well in the oven. It also seem to me that the gluten was not developed enough. Then I changed the recipe to use 500g All-purpose flour (not sure if this make any difference), and reduced the water to 355g. The dough rose in higher volume than the first trial, and is slightly less lumpy. However, the dough is still quite flat (compare to one Laura did on the video) when rest on the baking pan. It looks like your dough has more gluten and firmer (easier to hold its shape), less tendency to expand to the edges. Do you think that I should further reduce the water amount, change to another type of flour, or let it rest longer than 18 hrs? Thank you very much!!!

    • Anonimo

      Try reducing the amount of water and using read flour. Also, if your environment is warm, you may want to try reducing the raising time. Vittorio

  • Elisa

    Ciao Vittorio! Complimenti per il sito! Vorrei provare questo pane e avrei un domanda relativamente alla farina: ho visto che non dai indicazioni in merito al tipo di farina da utilizzare quindi vorrei sapere se è possibile prepararlo utilizzando un 80% di farina 00 (del supermercato) con un 20% di Manitoba? Dovrei in questo caso modificare le quantità di acqua o di lievito o i tempi di lievitazione?
    Grazie mille!!!
    Ciao!

    • Anonimo

      Dovrebbe funzionare bene. La manitoba potrebbe volere un po’ piu’ di acqua, ma io proverei con la ricetta inalterata perche’ questo e’ un impasto parecchio morbido – Vittorio

  • Jas

    Bhe che dire! COMPLIMENTI!
    Complimento per la tua passione per la panificazione, per la simpatia e la semplicità con cui spieghi le ricette, doti da grande comunicatore.
    Ma sopratutto complimenti per lo sforzo che fate ad insegnare ai vostri figli che il cibo non esce da un sacchetto di plastica o da un barattolo.
    Naturalmente ho apprezzato anche la ricchezza di vocabolario italiano che questa esperienza gli dona.
    Ciao
    Jas

    • Anonimo

      Graie!!!!!!

  • justwoman

    Great job!
    ma la prossima volta la fai vedere anche tagliata a metà così che si possa vedere la mollica.
    Keep working in this way!
    Antonella

    • Anonimo

      OK. Vittorio

  • justwoman

    Oops……Manca il punto di domanda alla prima frase
    Sorry

  • ciao Vittorio, ho provato a fare questo pane con lievitazione lunga, purtroppo non mi è andata bene. Mi spiego. Ne è uscito un odore forte, suppongo sia andato fuori fermentazione, eppure l’ho tenuto 11 ore anziché 18.
    Cordialità e complimenti per il blog, davvero punto di riferimento.

    Alessandro

    • Anonimo

      forse era un ambiente piu’ caldo del mio. Fallo lievitare fino a quando non raddoppia (quasi triplica di volume) – Vittorio

  • Barbara Pavan

    WOW! Grazie mille per la ricetta!!!! E’ venuta buonissima (al primo tentativo era OK, al secondo tentativo é venuta spettacolare)!!!! Sono 3 anni che vivo negli USA ed era da un po’ che pensavo di fare il pane in casa, visto che qui (come ben sai) é difficile trovare del pane come piace a noi italiani (sigh)!!!! Ora con un po’ di pazienza provero’ anche le altre ricette!!!
    Grazie ancora!!!
    Barbara

    ps: come farina per panificare pensi che la “King Arthur” Bread Flour vada bene ??….in uno dei tuoi video mi sembra di averla intravista….

  • ugo

    ciao Vittorio, complimenti a te e alla tua famiglia per le ricette e il bel clima nel quale le realizzi!
    Sto per realizzare la tua ciabatta a lievitazione lunga. Siccome possiedo una bella mattonella 40×40 che uso come pietra refrattaria e che ha funzionato egregiamente in altre ricette di pane che ho realizzato in passato, ma che avevano tutte un impasto più consistente, mi chiedo se sia possibile usarla anche per la tua ciabatta il cui impasto è molto più morbido.
    In particolare: se ho capito bene, tu fai lievitare il pane direttamente sulla teglia per poterlo infornare senza doverlo spostare rischiando di sgonfiarlo, vero? e per questo non sarebbe possibile farlo lievitare direttamente sulla pietra refrattaria perché ha bisogno di essere preriscaldata, o sbaglio?
    Ma mi piacerebbe trovare un modo per usare la pietra refrattaria e non la teglia.. puoi darmi qualche suggerimento?

    • Non sbagli. Questi impasti cosi’ morbidi non si riescono a gestire con la pietra refrattaria – Vittorio

    • ugo

      Ho fatto la ciabatta cn la tua ricetta ed è venuta buonissima, forse un po’ meno alta della tua (ma più larga: come se l’impasto si fosse appiattito un po’), ma il sapore e la croccantezza sono fantastici!
      E ho usato la pietra refrattaria: invece di trasferire l’impasto sulla teglia, l’ho capovolto sulla pala su cui avevo messo della carta forno, e ho lasciato lievitare sulla pala. Poi ho fatto scivolare la carta forno, con sopra l’impasto lievitato, dalla pala alla refrattaria, e mi sembra venuto tutto bene 😀

  • lucia

    Impastate con i miei bambini…proprio come te nel video….speriamo bene nella riuscita….ma immagino di si…bellissimo blog…:-))
    Lucia

  • Andrea

    Ciao,
    dopo la pizza ho sperimentato la ciabatta, e anche questa è venuta buonissima!!!! Ti chiedo solo un consiglio. Ho unto la teglia, ma questa operazione ha reso il fondo della ciabatta leggermente unta, dandogli un lieve sapore di focaccia. Se invece di ungere la teglia utilizzassi carta da forno secondo te il risultato è lo stesso?

    Grazie per le tue stupende ricette!!!

  • Lore

    Ciao! La ciabatta mi è venuta bellissima ma la crosta invece di essere croccante è venuta dura come il granito 🙁 dove ho sbagliato? Complimenti x il sito!!

  • andrea

    Grazie, fatta e venuta perfetta!!

  • lucia

    questa videoricetta è stupenda!!! soprattutto per la presenza dei tuoi splendidi bimbi!!! complimenti stò ancora ridendo!!!! un bacione!!!!

  • Marta

    sono una genovese trapiantata da 8 anni a Zurigo e vivalafocaccia.com e’ il mio sito preferito! Anche una pasticciona come me riesce a fare felici tutti con le vostre ricette…grazie mille , ogni volta che vi guardo mi sento a casa…complimenti a tutti, soprattutto ai bimbi!
    Marta

    • Grazie!!!!!!!!!!

    • anna maria

      > ciao a tutti. Oggi ho fatto la mia prima ciabatta ed è venuta Benissimo!!! grazie grazie grazie vittorio i tuoi consigli sono perfetti. Ti sto facendo una pubblicità totale: ufficio casa amici TUTTI
      ciao

  • Giovanna

    Innanzitutto i miei più vivi complimenti per questo bellissimo sito. Siete bravissimi, in particolar modo i video sono chiarissimi e anche molto simpatici.
    Ho appena fatto la ciabatta con questa ricetta ed è venuta buonissima! Ho pubblicato la foto su facebook visto che io non ho un sito personale.
    Ma guarda se io, una napoletana trapiantata in Olanda dovevo andare a fare la ciabatta con la ricetta di un genovese trapiantato negli USA! I casi della vita ahahah 🙂
    Auguroni per tutto e grazie ancora 🙂

  • delia

    ciao. sono una vostra ammiratrice ,sto facendo le vostre ricette,sono venute tutte bene ,sono spiegate benissimo.i miei complimenti a Vittorio.domani inforno la ciabatta semplicissima poi vi faccio sapere.grazie Vittorio. delia

  • Paolo

    Salve Dott.: Vittorio, io per prima cosa le faccio i complimenti per tutto quello che ci fornisce attraverso il suo sito e per le tante cose che ho potuto imparare grazie a lei. Volevo però porle una domanda secondo lei è possibile fare un buon pane con una bella e grande alveolatura utilizzando farina di tipo 2, cioè quella farina non molto lavorata tipica dei tempi passati ma che secondo studi del CNR, sarebbe la migliore per la salute del nostro corpo. (le inserisco il link da cui si comprende una cosa fondamentale sulla farina di tipo “00” http://www.youtube.com/watch?v=k10SoSJod1A)
    Io sto seguendo una semplice procedura con lievito naturale e anche se la lievitazione avviene e alveolatura pure vorrei migliorare il pane con un alveolatura maggiore o meglio con dimensioni maggiori tipo come quella che è presente nella maggior parte dei pani che si acquistano nei negozi.
    In attesa di una risposta, colgo l’occasione per porgerle i miei Distinti Saluti.

    • >Purtroppo non ho esperienza con quel tipo di farina ma sto ampliando i miei orizzonti ed appena ho abbastanza esperienza mi cimento in video ricette a riguardo
      – Vittorio

  • Elena

    Ciao Vittorio, come primo tentativo ho dimezzato le dosi e son stracontenta del risultato!croccante fuori e soffice dentro, non pensavo potesse riuscire cosi bene!! L’unica cosa strana e` stata la cottura..solo 15 minuti! la prossima volta abbassero` il forno 🙂

  • Beppe

    Carissimo Vittorio. Ho fatto questo pane raddoppiando le dosi per fare una pagnotta grossa, ma dopo un’ora circa e’ talmente aumentata che ha traboccato sollevando il coperchio del recipiente in plastica per alimenti che la conteneva.
    Ho avvolto la pellicola costringendo il coperchio a non aprirsi piu’ e vedo pero’ che spinge ancora pur rimanendo dentro.
    Dovro’ fare 500 gr. o sara’ necessario un recipiente piu’ capiente?
    Grazie molte

    • > Direi proprio di si’ Devi dargli spezio per espandersi bene
      – Vittorio

  • Beppe

    Allora. Ho cotto la ciabatta ed e’ venuta benissimo e con tanti buchi.
    Molto buona. Ho notato pero’ che la mollica e’ piuttosto gommosa.
    Da cosa puo’ dipendere?
    Faccio meta’ OO e meta’ Manitoba.
    Grazie tante.
    Beppe

  • Antonio Carulli

    Ciao Laura, Luca e Vittorio,

    grazie per la ricetta della ciabatta, essa é venuta veramente BENISSIMO!!!
    É da decenni che ci provavo (un paio di volte l’anno), mai venuta bene (nemmeno discreta). Adesso la ciabatta l’ho fatta giá 3 volte, sempre eccellente. Vivo a Berlino e quindi tutto ció per me ha un valore anche morale. GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!!!
    Antonio

  • gaetano

    Ciao Vittorio. Innanzitutto complimenti e grazie per il sito che è una fonte inesauribile di spunti per chi, come me, si è affacciato da relativamente poco in questo affascinante mondo di pani e lieviti. Volevo chiederti, da esperto, se questo procedimento del non impastare è detto anche “autolisi”. Per caso lo hai provato anche su lievitati più complessi che prevedono inserimento di burro e uova? Sarei curioso di sapere se si possono realizzare panettoni o colombe autolitici con lo stessa sistema. Scusami se forse dico castronerie. Ti ringrazio e ti faccio tantissimi auguri per le prossime lievitazioni!

    • > No, non ho mai provato. Sarebbe un bell’esperimento da provare – Vittorio

  • pigi

    Ciao Victory
    Volevo una informazione, nella lievitazione lunga, la pasta va coperta con un canovaccio per farla respirare o chiuderla ermeticamente?
    Grazie Pigi

    • Vivalafocaccia

      > Io la chiudo ermeticamente ma secondo me se lo copri con un panno magari umido, attira i batteri e lieviti nell’aria e diventa ancora più gustosa
      – Vittorio

      • pigi

        Grazie eseguo
        >

  • Andrea

    Ciao Vittorio,
    la mia ciabatta è stata un fallimento totale a differenza di altre tue video ricette.
    Inizialmente la lievitazione è andata molto bene infatti l’impasto è cresciuto tantissimo, poi si è sgonfiato.
    Dopo 18 ore ho seguito la ricetta ma non sono riuscito a dare all’impasto la forma della ciabatta perchè troppo liquido. Ho atteso altre 2 ore ma l’impasto non è cresciuto ulteriormente.
    Quale potrebbe essere il motivo?

    Grazie mille

    • Vittorio

      > D’estate bisogna diminuire il lievito e/o i tempi di lievitazione.
      Penso tu l’abbia semplicemente fatta lievitare torrpo
      – Vittorio

      • Andrea

        Grazie Vittorio riproverò

  • barbara

    Ciao Vittorio,
    con questa ricetta ho provato tutte le tue ciabatte: una meglio dell’altra e complementari perchè secondo il tempo che ho a disposizione preparo l’una o l’altra e oramai é mesi che non vado dal fornaio.
    L’unico problema che ho riscontrato con questa é la difficoltà a miscelare per bene il lievito: mi sono accorta dopo la lievitazione che c’era qualche grumetto, che sono riuscita fortunatamente sono riuscita a sistemare sonza danni.
    Che dici se si provasse a stemperarlo nell’acqua anzichè poi dopo la farina?
    Farai qualche nuova ricettina con il lievito naturale?
    Ciao

    • > Si’, lo puoi sciogliere nell’acqua, basta che non venga a diretto contatto con il sale. Io lo sciolgo nell’acqua nella paggior parte delle ricette
      Ricette con il lievito naturale in futuro di sicuro
      – Vittorio

  • Raffaele

    Ciao Vittorio. Una volta mangiata parte della ciabatta, vorrei sapere quale è il metodo migliore per conservarla fino al prossimo pasto senza che si alteri (mi è capitato che il pane alla birra tenuto in forno FREDDO e spento, semplicemente appoggiato su una teglia perdesse tutta la croccantezza!)

  • Angela

    Qui che farina hai usato(sono negli U.S.A.)

  • Angela

    E i gradi li indichi in F o C?

  • Daniele

    Io sono curioso di sapere come ti è venuta l’alveolatura di questo pane.
    Vedo che si è alzato abbastanza in forno….son venute bolle grandi o mi sbaglio?

  • Enrico

    Ciao,
    ho seguito la ricetta come da te scritto e filmato, ma mi viene un poco troppo idratata e tende ad afflosciarsi dopo che la sistemo sul tegame; risultato cresce poco anche se è buona, presenta una discreta alveolatura.
    Cosa si può fare?
    Grazie

    • > Il fatto che l’alveolatura e’ discreta vuol dire che il glutine si sviluppa bene…forse e’ solo troppo idratata..prova a mettere meno acqua….

      • Enrico

        Grazie, oggi sto giusto provando con meno acqua, poi farò sapere e spero vedere.>

  • EnricoCasavecchia

    Ho provato diminuendo l’idratazione ed ecco il risultato: cosa te ne pare?
    http://imageshack.us/a/img838/4202/pane003.jpg
    http://imageshack.us/a/img341/3153/pane005.jpg

  • carmensita

    Ciao Vittorio,volevo chiederti una cosa:nella video ricetta di questa ciabatta semplificata c’e’ scritto che bisogna usare 3 grammi di lievito di birra,invece nella pagina in cui viene spiegato il procedimento scrivi 5 gr …Quanto ne devo usare? La farina non e’ specificata,bisogna usare la manitoba,la 0,la 00??
    Io l’ho fatta ieri con meta’ manitoba e meta’ 00,con 5 gr di lievito di birra e ho fatto riposare l’impsto nel forno chiuso per le 18 ore consigliate.La ciabatta nel forno e’ lievitata molto poco e invece di alzarsi si e’ allungata.Quindi e’ venuta fuori una vera e propria ciabatta sottile e lunga e l’alveolatura si vede a mala pena. Dove ho sbagliato? Per caso devo lasciarla a lievitare sul mobile in cucina,invece del forno chiuso?
    E la farina che devo usare deve essere tutta manitoba?Oppure tutta 0?
    Grazie delle tue bellissime ricette e spero di rifare la tua ciabatta con un risultato uguale a quello del tuo video!!

  • Michela DF
  • chiaretta

    Ciao Vittorio!! Vorrei provare questa ricetta…. Ma ti dovrei chiedere un consiglio. Visto che ci sono 18+2 ore di lievitazione, secondo te a che ora é meglio iniziare tutta la procedura? Non so se é meglio arrivare ad infornare alla sera per avere il pane il giorno dopo o dover infornare la mattina. Cosa mi consigli? Grazie.

  • SergioCarlosManera

    Ciao Vittorio, la ciabatta sembra buona….ma i tuoi figli sono uno “spettacolo” complimenti!!!!

  • ManuelaMeggiolaro

    ieri ho fatto la focaccia di recco e’ venuta buonissima…….ho provato piu’ volte a farla e non ero mai riuscsita a farla buona……..grazie mille ciao

  • MorenaRoana

    Ciao Vittorio, bellissimo e simpaticissimo video. Che farina hai usato? Con che forza? ci vorrei provare.
    Morena

    • @MorenaRoana io uso l’equivalente della 0 ma qualcuno ha avuto buoni risultati anche con un mix di 00 e manitoba.

      • MorenaRoana

        @vivalafocaccia Grazie…infatti ho usato una 0 con Manitoba..è venuta splendida!

  • marinaaida

    Luisa mi spieghi come hai fatto? io ho provato con farina integrale e farina manitoba ma non è lievitata per niente. Tanto è vero che dopo 21 ore ho utilizzato  l’impasto per fare la focaccia col formaggio (che non deve essere lievitata…!!)

  • Ettore

    Ciao Vittorio, scusami ma ho un chiarimento da chiederti. Pur avendo letto tutti i post non ho capito se la dose giusta di acqua sia di 380gr come indica la ricetta o 480gr come indica il video (ho letto un post del 2010 dove dici di aver corretto il video, ma nel video compare ancora 480gr.). Ieri ho fatto la prova con 380gr di acqua (dato che ho seguito la ricetta del sito) ma l’impasto è rimasto molto bagnato. Adesso sono pronto per infornarla ma dopo le 2h e mezza da quando l’ho messa sulla teglia non è più cresciuta. Inforno lo stesso la ciabatta e vediamo che succede. Dovrei provare a ridurre ancora la quantità di acqua? Ho usato 500gr di farina 0.
    Grazie, Ettore

    • > 380 g di acqua. E’ un impasto molto idratato. Certe farine piu’ deboli o di bassa qualita’ assorbono meno acqua per cui dovrai aggiungere un po’ di farina in piu’ o diminuire l’acqua. Oppure tagli la farina con un 30% di Manitoba per rinforzarla.
      Ho corretto il video ma mi rendo conto che la csovraimpressione e’ poco visibile. La ingrandisco
      – Vittorio

      • Ettore

        Grazie mille. La ciabatta è venuta buona, molto bassa ma ottima. ho una solo foto perché è stata spazzolata in pochi minuti! Se scopro come pubblicarla lo faccio. Farò pratica seguendo i tuoi consigli. Ciao!!

  • piertonio

    ciao vittorio ti voglio fare un pò di domande.Prima domanda,il mio forno è statico è ventilato ,però lo uso come statico quando metto il pane in forno con la temp che mi dai non cucina come deve, secondo te devo tirare su la temp? Seconda domanda ,qual’è il pane piu’ leggero quello a lunga lievitazione ho quella meno? In una tua ricetta fai il pane con il lievito naturale ,posso sostituirlo con il lievito di birra ,le quantità cambiano come il tempo di lievitazione? Grazie mille e complimenti per il tuo blog

    • Per quanto riguarda il forno..ogni forno ha il suo carattere …fidati delle tue impressioni se non cuoce bene prova ad alzare un po la temperatura…ovviamente ogni volta che fai qualche variazione presta particolare attenzione in modo da correggere il tiro al volo.Piu è lunga la lievitazione e meno lievito viene impiegato piu è digeribile il pane.
      Puoi sempre fare le conversioni da lievito naturale a lievito di birra…devi fare l’operazione inversa a quella indicata qui http://vivalafocaccia.com/2010/10/15/come-usare-il-lievito-naturale/

  • Giordana

    Ho fatto la ciabatta, siamo entusiasti, è andata via in un attimo!
    L’unico dubbio è che mi è rimasta un pò dura ed elastica la crosta della base, risultando difficile da tagliare, è normale? da cosa potrebbe dipendere? Ho fatto lievitare l’impasto 20 ore invece che 18, potrebbe essere l’eccessiva lievitazione? o forse un problema di forno? il mio è ventilato e anche quando faccio i biscotti tendono a scurirsi molto sul fondo. Comunque la “fatica” di tagliarla è stata ampiamente ricompensata!!!

    Giordana

    • Se rimane un po gommosa prova a lasciarla raffreddare su una griglia nel forno caldo ma spento e con la porta leggermente aperta.

  • Un vero successo! fatte in forma piccola, sono uscite 4 ciabattine.
    Complimenti per le vostre ricette sono sempre un successo garantito.

  • lenny

    Ciao Vittorio, è da tanto tempo che seguo le tue ricette su Youtube, ed è grazie a te che mi sono avvicinato all’arte bianca. Solo ora ho deciso di registrarmi al blog, così da ricevere qualche consiglio utile!
    A tal proposito, ieri ho provato a fare la ciabatta a lievitazione lunga, ma ho avuto qualche problema con la lievitazione: per paura che la pasta si sgonfiasse, ho usato tutta farina Manitoba, ma ugualmente l’impasto dopo circa 6 ore ha iniziato ad afflosciarsi… E’ vero che d’estate gli impasti lievitano molto più velocemente, ma in questi giorni a Roma fa più fresco, e dentro casa la temperatura è di circa 25 gradi. Cosa posso fare per “avvicinarmi” alle tue 18 ore? E se vedo che l’impasto dopo solo qualche ora ha raggiunto il suo culmine, è meglio utilizzarlo subito?
    Ti ringrazio, e buona giornata!

    • vivalafocaccia

      Metti meno lievito
      – Vittorio

  • alberto

    Ciao Vittorio,
    ho gia’ provato l’altra ricetta della ciabatta ed il risultato ,per essere la prima volta,e’ stato molto soddisfacente ma mi e’ sorto un grande dubbio : vivo a Bahia ,Brasile,caldo e molta umidita’ inoltre si trova solo farina tipo 1 e lievito di birra secco : come posso fare per raggiungere buoni risultati in queste condizioni ?
    Un abbraccio da Salvador,Bahia

    • vivalafocaccia

      Prova a mettere un po’ piu’ di farina (una 10-15%)
      – Vittorio

  • Michela

    ciao! Una farina 00 con il 12% di glutine va bene per questo tipo di ciabatta o devo tagliarla con la manitoba?. Se sì in che proporzione? Ho in casa anche una 0 con il 12% di glutine. Quale delle due farine mi consigli di usare?
    Grazie di tutto….I panini all’olio sono venuti una favola !!!!

    Michela

    • vivalafocaccia

      Dovrebbe amdare bene. Se non regge bene la lievitazione, metti un 20-30% di Manitoba
      – Vittorio

  • Patrizia

    Per questa ricetta non serve umidificare il forno ?
    Un saluto e grazie !!!!!!!!

    • vivalafocaccia

      Sarebbe meglio di si’, per i primi 10 minuti di cottura.
      – Vittorio

  • Roberta

    Ciao, l’ho fatta oggi e devo dire che è venuta molto buona, ho un dubbio però, con lo stesso procedimento è possibile farla alle olive semplicemente aggiungendole all’impasto?

    • vivalafocaccia

      certo ..le aggiungi all’ultimo prima di completare l’impasto.

  • lelluna

    ciao Vittorio,
    perché questa ricetta non riesco a leggerla su ipad?
    Grazie lelluna

  • Laura P

    A me è venuta fantastica!!!! Buonissima e super digeribile!!!! Il problema è che se ne mangia troppa e addio linea!!!
    Complimenti a te che sei Super e alla tua bellissima famiglia!!!

    • vivalafocaccia

      Grazie!

  • Margaret

    Thanks for the video and have tried to made the ciabatta for a couple of times. The taste are great, my husband and kids love it (they’re italians :D) However, I’ve noticed that on second rising, the dough rose only a little, and they have the tendency to expand to the edges instead of rising high, what would be the problem and how I can fix it? Thanks, Margaret

  • Margaret

    Thanks for the video and have tried to made the ciabatta for a couple of times. The taste are great, my husband and kids love it (they’re italians :D) However, I’ve noticed that on second rising, the dough rose only a little, and they have the tendency to expand to the edges instead of rising high, what would be the problem and how I can fix it? Thanks, Margaret

    • vivalafocaccia

      Use a stronger flour (bread flour) or even a mix of bread flour and high gluten flour, and/or let it raise less the first time around
      – Vittorio

      • Margaret

        Thanks Vittorio, will try it out next time and let you know 🙂 By the way, I’ve tried your recipe of the Pandolce Genovese Basso, and it comes out excellent 🙂 Thanks again. Margaret

  • LYUDMYLA CHEKAN

    Ciao Vittorio.
    Ho fatto diverse volte questa ricetta e viene sempre un pane meraviglioso.
    Ma adesso ho voglia di provare se è possibile questa ricetta con PM, e possibile modificare questa ricetta ? Come?grazie mille della disponibilità.ciao

  • max

    ciao,hai mai provato a panificare con la farina di granoturco?

  • Monica

    Mi sto cimentando anch’io in questa impresa. Ho impastato ieri pomeriggio e ormai, tra un pochino sono pronta per infornare. Non so, al momento sono un pochino scettica, credo che l’impasto sia troppo morbido. Ho usato farina tipo O ma mi sono attenuta alla ricetta. forse avrei dovuto aggiungerne un pochino di più. Vedremo. Ciao

    • vivalafocaccia

      Comunque è un impasto morbido.. Facci sapere come è venuta!

    • Monica

      No, decisamente non mi è venuta bene stavolta! Più che una ciabatta sembra……una focaccia 😉
      Quella di Laura e Luca è decisamente stupenda!! Bravissimi vedrò di stare più attenta.
      Riproverò

  • Fabrizio

    ciao ho acceso ora il forno…non ho capito se devo cuocere con resistenza sotto e sopra…oppure solo sotto…ps. ho fatto la focaccia e’ venuta uno spettacolo.
    grazie Fabry

    • fabrizio

      fatto la fine del mondo,,,buonissimo meglio di quello del forno,,,grazieeeeee

      • vivalafocaccia

        Scusa …vista ora.. Bene!!! Prego!!

  • Luca

    Ciao Vittorio,
    ho scoperto vivalafocaccia.com da pochi giorni e dopo aver letto e guardato alcune delle ricette, ho trovato l’entusiasmo per provare questa della ciabatta semplificata.
    Che dire, nonostante fosse la prima volta che mi cimentavo nell’arte bianca, il risultato – almeno esteticamente – è stato abbastanza soddisfacente.
    Ovviamente sono qui oltre che per condividere questa prima esperienza anche per chiederti qualche consiglio.
    Ho cotto la ciabatta a 220 gradi per 35 minuti con un pentolino d’acqua nel forno per i primi 15 minuti.
    Il risultato è stato una ciabatta la cui crosta è ben cotta ma molto secca. Per intenderci, il coltello scivola sulla crosta e si riesce a tagliarla solo applicando molta forza. L’interno invece è rimasto piuttosto umido e un po’ indietro di cottura. Quello che mi chiedo ora è come posso migliorare la cottura in modo da ottenere un pane ben cotto all’interno senza che la crosta diventi un carbone. Intanto ti ringrazio comunque per l’attenzione.
    Luca

    • vivalafocaccia

      Ciao Luca, il mio forno è solo statico e i miei tempi si riferiscono a quella modalità ma come dico sempre ogni forno ha il suo carattere e bisogna prenderci le misure….Prova a cuocere ad una temperatura un po più bassa e se serve più a lungo.Piu tardi si forma la crosta e meglio cuoce il pane all’inteno..poi quando è cotto puoi alzarlo su un fianco o metterlo sulla griglia in modo che passi aria e lasciarlo raffreddare mentre si raffredda il forno con la porta leggermente aperta.Facci sapere!

  • Paola Mazzurana

    Ciao Vittorio,ho scoperto purtroppo solo da poco il tuo blog…le tue ricette sono fantastiche e poi come le spieghi nei video..una favola! Volevo chiederti se hai qualche informazione sulla farina di kamut (in quanto umidità e forza); per motivi di salute sono costretta ad utilizzare interamente quel tipo di farina! Ho già adattato alcune delle tue ricette con risultati buoni ma volevo sapere se avevi qualche consiglio in più da suggerirmi (riguardo per es. rapporto farina/acqua e farina/lievito). Ti ringrazio in anticipo! Ancora complimenti!

    Paola

    • vivalafocaccia

      Grazie Paola!! ..eh non sono ancora un gran “frequentatore” di quelle farine ma abbiamo una blogger collaboratrice che panifica spesso con farine particolari …prova a guardare qui http://pandipane.blogspot.it

  • Eva

    Ciao, Vittorio, grazie per le ricette, abbiamo già provato la ciabatta e ora volevo provare questa con la lunga lievitazione – e qui mi sorge una domanda: come mai per questo impasto non viene aggiunto lo zucchero come nelle altre volte? Grazie

  • Francesca

    Ciao Vittorio, ho appena fatto la tua ricetta della ciabatta e mi è venuta perfetta!!!! Grazie sei bravissimo, la tecnica della poca lavorazione mi piace molto, però ti volevo chiedere un consiglio, forse mi è venuta un po’ troppo bassina tipo 4 cm c’è un modo x farla venire un po’ più alta??? Grazie e ciao…..ti lascio anche una foto!! Ps ho appena infornato i panini per hot dog…speriamo bene!!!

    • Francesca

      Foto!

      • vivalafocaccia

        Prova ad usare farina un po più forte. Al limite se vedi che si allarga sempre dalle una piega per darle un po più di forza e poi formala.

  • Gabriele

    Ciao Vittorio, questo è il risultato del mio primo tentativo di panificazione down under. Che dire, spettacolo. Ha il profumo del pane che compravo in montagna in Italia. A parte quella piccola spaccatura sopra è veramente venuto bene.
    Alla prossima.

    • Guest

      foto

    • vivalafocaccia

      Spettacolo!! Mi fa proprio piacere. Grazie per la foto! 🙂

  • Hi everyone, it’s my first go to see at this site, and piece
    of writing is actually fruitful for me, keep up posting these types of articles.

  • Marcello

    Ho provato questa meravigliosa ricetta qualche settimana fa. Che dire..semplicemente magnifica. Qualche consiglio che ho letto su molti altri forum e sperimentato in questa ricetta è quello di mettere sul fondo del forno una pentola piena di acqua fredda. In questo modo penso che l’umidità venga assorbita con la conseguenza che l’esterno viene super croccante e l’interno ben cotto, ma allo stesso tempo morbido (proprio come un pane cafone napoletano). Inoltre consiglierei ancora di tenere leggermente aperto il forno negli ultimi 15-20 minuti di cottura e, una volta sfornato il pane, coprirlo immediatamente con uno strofinaccio per una ventina di minuti (aiuta a rendere la crosta un po meno dura di quella ottenuta da Luca ma nel contempo ben croccante).
    Concludendo, un gran complimenti agli ideatori della ricetta 😀

  • VIRGO1306 .

    Ciao “sei un grande” 😉 … vorrei provare questa ciabattona utilizzando farina multicereali e in aggiunta segale e grano saraceno…che dici? ce la posso fare? o i tempi di lievitazione sono troppi lunghi per queste farine deboli? sai quando si lavora è molto piu’ comoda la lunga lievitazione… grazie in anticipo!

  • mia

    ma come ha fatto a fare 2 pagnotte con un solo forno? quando ha estratto la prima non c’era l’altra

  • Vadim J Yuma

    Ciao Vittorio!
    Grazie per il tuo prezioso lavoro

    ecco un primo prototipo, è venuto con la crosta un po’secca il fondo un po’ umido ed una parte è rimasta un po’ sgonfia, comunque buonissimo!

    – per la secchezza abbasserò la temperatura prolungando la cottura
    – per il fondo umido proverò a poggiare la carta forno sulla griglia (o meglio la pietra refrattaria?)
    – per la parte sgonfia, potrebbe essere colpa delle pieghe? ne ho fatte un paio perché mi sembrava un po’ moscia

    Bacio rispettosamente le mani!

    • vivalafocaccia

      Bella…é cresciuta in modo strano.. si è gonfiata quasi più sotto che sopra da questa angolazione..Comunque meglio la pietra…se poggi la carta forno sulla griglia ti fa le pieghe.

  • Teresa

    Ciao Vittorio, nella ricetta scritta sono indicati 380 gr di acqua. Nel video 480…

    • vivalafocaccia

      C’è una correzione in sovrimpressione su youtube ma alcuni browser e alcuni mobile non le visualizzano. Quella giusta è quella nella ricetta.

  • greta78

    Fantastico! perfetta al primo colpo (uso lievito madre essiccato) e soprattutto ho battuto mia suocera che fa pane da anni ma a suo modo! La foto non ce l’ho perchè come l’ho affettato se lo sono mangiato quasi tutto in poco tempo! Volevo farti anche una domanda le ricette che prevedono l’impastatrice sono impossibili da fare a mano??? vorrei cimentarmi in qualcosa di più complicato ma non vorrei ritrovarmi con un impasto da non riuscire a maneggiare!!! ancora complimenti!!!

    • vivalafocaccia

      In generale no ma alcune sono molto difficili soprattutto quelle con idratazione sopra l’80% e il cui impasto va fatto incordare. Per le altre ci vuole solo un po più di forza e pazienza.

  • Maria

    Ciao Vittorio, ho provato a farla anch’io parecchie volte ma non viene come la tua. A me viene più un pane arabo un po’ più secco e alveolato o una focaccia spiattellata. La crosta rimane bianchiccia e ho molta difficoltà a maneggiare l’impasto per formare delle pezzature più piccole. Non è male ma non è quello che voglio io. Quale sarà il problema?

    • vivalafocaccia

      Puo dipendere dalla farina che usi. Prova ad usare una farina più forte. Puoi ad esempio mischiare 70% di farina che usi con 30% di Manitoba.

      • Maria

        Uso già manitoba al 100%, quindi dovrei metterne solo il 30%?

        • vivalafocaccia

          Pensavo usassi una farina debole….. Ma non riesci a gestirlo allora forse perche è troppo elastico. Prova a fare 50% manitoba e 50% farina 00 debole. E vedi se ti trovi meglio. Facci sapere.

          • Maria

            Ok, grazie proverò la prossima volta. Pensavo anche di mettere meno acqua perchè appiccica troppo e attacca dappertutto.

  • Roberto Di Egidio

    Ciao Vittorio. E’ ormai da parecchi mesi che seguo il tuo blog e metto in pratica le tue utilissime ricette. Senza di te non avrei sicuramente fatto i progressi che ho potuto constatare impastano e infornando, provando e riprovando seguendo i tuoi consigli. Così ieri ho voluto cimentarmi con questa ciabatta col sistema senza impasto ed è venuta benissimo. Ha un profumo veramente ottimo grazie anche alla lunga lievitazione sul balcone, all’aria aperta per 18 ore. Ti posso solo ringraziare mandandoti una foto. Il profumo non te lo posso inviare purtroppo 🙂 Ciao!

    • vivalafocaccia

      Grazie della foto! Spettacolo! 🙂

  • tina b

    buongiorno
    mi chiedevo se il caldo possa interferire sulla riuscita della ricetta: in questi giorni c’è molto caldo e molto umido e mi pare che la (le) ciabatte abbiano lievitato meno…

    PS: sono iscritta come tina b, ma non riesco commentare se non come ospite… sono una frana!

    • vivalafocaccia

      Lieviteranno troppo e poi si abbassano. Usa meno lievito

      Vittorio

      Sent from my mobile device, please forgive errors

      • Tina Benaglio

        grazie mille! infatti le ho rifatte e mi sono accorta che è successo proprio così: la pasta ha lievitato prima (nemmeno 12 ore) e poi ha iniziato ad abbassarsi. questa volta appena ho visto che si abbassava l’ho lavorata e sono venute delle belle ciabatte, con un’ottima alveolatura.

        Uso il lievito madre liofilizzato praticamente da sempre, e anche con questa ricetta funziona bene: le dosi sono solo un po’ maggiori del lievito di birra e il sapore è più delicato. le sto provando con varie farine.

        le realizzo normali, ma anche condite, cioè metto nella pasta olive spezzate e poi sopra pomodoro a tocchetti, origano olio e gomasio
        oppure con noci, gomasio, semi di girasole e sopra olio e gomasio (ho preso lo spunto dalle tue stecche di pane, ma a me piace il pane a lunga lievitazione)
        PS: sei davvero un’ispirazione!

  • Daniel Sanchez

    Ciao Vittorio !!!!!!!!
    Ho visuto in Italia per dei bei dodici anni, dove ho imparato a aprezzare il pane, non solo inghiotirlo………
    Sono tornato in Argentina, …… e mi manca………..
    Sto cercando la procedura per fare il pane o la ciabatta con la alveolatura grossa, con la molica transparente e vitrea, per nulla bianca , senza amido. Con le fibre che separano le bolle d’aria cristaline, che sembrano di vetro…….
    Ho trovato questa ricetta, vorrei il tuo parere.
    https://youtu.be/LFja1ShZFsA
    Tanti Saluti, il tuo Fan, Daniel Sanchez

    • vivalafocaccia

      Mi sembra molto bella! prova e fammi sapere
      – Vittorio

    • tina b

      Daniel Sancez, facci sapere se provi la ricetta del video! sembra davvero spettacolare… io purtroppo non capisco l’inglese, quindi non so se si parla di dosi, ma la realizzazione sembra splendida…

    • Tina Benaglio

      Ciao Daniel Sanchez, alla fine hai provato la ricetta del video?

    • Simonetta Benemegio

      Se clicchi su opzioni sulla barra del video puoi scegliere i sottotitoli in italiano come ho fatto io ma purtroppo non si parla di dosi: voglio provare questo procedimento utilizzando le dosi di Vittorio-poi vi sarò sapere-anche io voglio una mollica così alveolata e asciutta (a volte mi viene un po’ molliccia)

      • Simonetta Benemegio

        ho trovato un altro video su you tube è https://www.youtube.com/watch?v=kXV8mayG3W0 di R.Bernet:il procedimento è un po’ diverso,più veloce e di questo ho le dosi:1000 gr farina-700 di acqua.30 di lievito-20 di sale-spero che vi sia utile-ciao a tutti-

    • vivalafocaccia

      Spettacolo!! Grazie per il link. Ci vuole molto tempo ma è un impasto meraviglioso . Fateci sapere!

  • tina b

    ciao, sto facendo casini con il mio nome… che faccio? ho segnalato come inappropriato il mio commento che appare con un nome diverso da tina b.

  • tina b

    Ciao, ho bisogno di un tuo consiglio: ti dicevo che questa spettacolare ricetta la sto provando con varie farine (tenendo solo fisso come parametro 260 di forza o 12/13 % di proteine) e mi viene sempre perfetta! ho la tentazione di acquistare della farina di tipo 1 per provare a realizzare una ciabatta più “ruvida”, tu che dici? può venirmi bene?

    • vivalafocaccia

      non saprei. Prova e fammi sapere. Non l’ho mai usata.
      – Vittorio

      • tina b

        ok allora la ordino e provo: tanto se non la uso con questa ricetta la userò per altre…

  • Antonella

    Ciao Vittorio,
    e un mese che due volte a settimana faccio questo meraviglioso pane!!
    L´unico “problema” e che, quando trasferisco il pane nella teglia per terminare la lievitazione di due ore, il composto inesorabilmente scivola lentamente e si “fappiattisce”. A parte questo uno spettacolo! Grazie Antonella

    • vivalafocaccia

      Usa una farina piu’ forte o taglia quella che hai con un 30% di Manitoba – Vittorio

      2015-12-20 8:09 GMT-08:00 Disqus :

Search
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in comments
Search in excerpt
Filter by Custom Post Type